Nel mio desiderio di incrementare la conoscenza dell’animo umano nell’ambito delle varie culture, ho avuto una bella ed interessante esperienza in Haiti. E’ un Paese poco conosciuto, se non per la presenza di tanta povertà e tanta miseria. Haiti Si trova in un sito naturale molto bello, quello del mare dei Caraibi e fa parte della grande isola delle Antille, denominata Hispanolia, divisa in due stati indipendenti, la Repubblica di Haiti, e la Repubblica Dominicana, la prima colonizzata dai Francesi e la seconda sotto l’influenza della Spagna.

haiti - Rachele Potenza - Solve et coagulaHaiti  era anticamente abitata da indios locali, etnia che poco a poco è andata estinguendosi e in gran parte rimpiazzata da popolazioni africane, portate con la forza soprattutto dai Paesi allora colonizzati dai francesi e che si affacciano sull’oceano Atlantico, tra i quali l’attuale Benin.

Tali popolazioni di schiavi, venendo in Haiti, hanno portato con sé le loro tradizioni culturali e religiose, tra le quali il voudou. In Haiti queste tradizioni si sono mescolate con la cultura e la religione cristiana dei dominatori, dando luogo a nuove realtà che sussistono tuttora.

Incontrare queste realtà è incontrare un altro mondo culturale e religioso, ricco di credenze e manifestazioni esteriori, fenomeni particolari che veramente lasciano stupefatti.

Una di queste tradizioni culturali religiose, tuttora esistenti, è l’esistenza di entità particolari, chiamate spiriti. Tutte le realtà esistenti, animate o non animate, hanno il loro spirito che si manifesta nel contatto con le varie persone che l’incontrano. E non è questione di credere o non credere, ma è questione di esperienze, di sensibilità che si percepiscono al contatto con persone e fenomeni vari.

E’ vero, di fronte a certe situazioni si resta a volte perplessi: ma al contatto con la realtà non si puo’ fingere che niente esista. Ad esempio, mi è capitato di sentire voci strane, versi di animali incomprensibili, manifestazioni visive di luci inspiegabili, fenomeni legati a credenze che non si possono spiegare.

Un esempio: ricorreva un giorno l’anniversario della morte di una persona cara ed improvvisamente la sera prima ho visto nel cielo una grande palla di fuoco che correva da destra a sinistra per sparire poi in mezzo agli alberi, senza lasciare traccia. L’interpretazione che è stata data dai locali era che quella palla di fuoco era lo spirito di questa persona cara che si manifestava cosi’ la sua protezione,

Altra realtà sperimentata, è stato il sentire un ululato strano di cani ad una certa ora della sera, momento in cui, a dire dei locali, molti spiriti uscivano dal corpo materiale delle persone per entrare in altre entità come animali, grandi uccelli, e vagare nella notte per poi verso il mattino rientrare nel loro vero corpo.

Rachele Potenza - Solve et coagulaUn fenomeno molto sentito e naturale per  quella popolazione era un certo senso del sacro. Il voudou non ha niente a che vedere con la religione cristiana, ma accetta la sacralità di certi gesti e certi riti, come quello del battesimo. E questo perché, a loro dire, nel corpo di ogni bambino che nasce c’è un cavallo bianco che lo tormenta e che potrebbe impedirgli di crescere sano. Soltanto il rito del battesimo cristiano riesce a liberare il bambino da questa entità negativa. E qui non si può fare ameno di comparare questa entità negativa del cavallo bianco con la presenza del peccato originale. Da questo si capisce anche il formarsi ed il modificarsi in parte della cultura voudouista, che via via ha assunto realtà del cristianesimo adattandole alle proprie esigenze, come il mettere i nomi dei principali santi cristiani alle loro piu’ significative entità spiritiche.

Una realtà particolare è poi quella degli zombi, che sono persone umane portate all´estrema soglia della morte con l’uso di un veleno potentissimo che passa anche attraverso ai pori della pelle. Dopo qualche ora, la persona è praticamente morta, in quanto le sue funzioni vitali sono ridotte al minimo e non vengono percepite. Tale persona viene poi messa nella bara e sepolta sotto terra. Dopo alcune ore, viene risvegliata con un potente antidoto, di cui sono in possesso soli i capi del voudou, ma dopo il risveglio tale persona non sa piu’ chi è e dove si trova: manifesta un’altra personalità. Un tempo tale fenomeno veniva usato per avere gente come mano d’opera per lavorare nei campi, ora lo si pratica per lo piu’ soltanto per vendetta.

Un altro fenomeno legato alla sacralità è la ricerca, soprattutto da parte dei capi voudou di oggetti consacrati, come la stessa ostia che viene consacrata nella celebrazione della Messa, in quanto si attribuisce a loro un potere superiore alle cosiddette magie ordinarie.

Haiti-jacmel - Rachele Potenza - Solve et coagulaMolti sarebbero gli esempi che a questo proposito si potrebbero portare, in quanto fanno parte della vita quotidiana della stessa popolazione, vita che è un insieme di sincretismo, di realtà e di fenomeni appartenenti all’esperienza ereditata da una cultura primitiva africana che si è incontrata con la tradizione del cristianesimo venuto dopo.

Questo sincretismo denota l’esistenza ancora prima del cristianesimo di una particolare sensibilità religiosa nelle persone umane: al di sopra di tutto, l’esistenza di un Essere superiore ed attorno a lui l’esistenza di altre entità chiamate spiriti, energie vitali positive e negative che fanno da tramite con gli esseri umani. E’ la storia della vita umana che continua, pur modificandosi e perfezionandosi, come è successo con la venuta del cristianesimo.